piazza fano arco di augusto fano

Breve Storia

La città di Fano ha origini molto antiche e fu fondata già prima dell’avvento dei romani si pensa da delle popolazioni indigene che si erano insediate alla foce del fiume Metauro. La prima accertata testimonianza dell’esistenza di Fano si ha nel 49 a.c. quando compare Fanum Fortunae, nome dedicato al teatro della fortuna eretto in commemorazione della battaglia del Metauro, in cui i romani sconfissero i cartaginesi. Durante l’occupazione romana Fano diventò addirittura una Colonia, grazie al fatto che questa città era una delle predilette dall’imperatore Augusto. In epoca comunale la città fu dominata da importanti signorie, tra cui quella dei Malatesta dapprima, degli Sforza poi e infine dei Montefeltro di Urbino.

Eventi

Fano è una delle realtà più dinamiche e attive del centro Italia, grazie a una programmazione eventi lungimirante e variegata. L’evento di maggior interesse è senza ombra di dubbio il grande Carnevale di Fano, che ha ormai una fama internazionale. Inoltre ci sono durante l’anno anche altri eventi come il Fano Jazz o la Fano dei Cesari.

Il Centro Storico

Il centro storico di Fano presenta una serie di monumenti molto interessanti da visitare che vanno dall’epoca romana sino ad epoche più recenti. Il monumento antico più importante è senza dubbio l’Arco di Augusto, fatto costruire dall’imperatore romano. Inoltre si possono apprezzare una serie di chiese come quella di Santa Maria Nuova, dove si trova una meravigliosa Pala di Perugino, nella quale si vede anche la mano del giovane Raffaello. Inoltre nel portico della chiesa di San Francesco sono esposte le tombe monumentali della famiglia Malatesta, una delle signorie più gloriose della storia di questa città.

Il Museo Civico

Biglietto Intero: € 3,50

Biglietto ridotto: € 2,00 (per gruppi superiori a dieci pax)

Il Museo Civico si trova, assieme alla Pinacoteca, nella Corte Malatestiana, antica dimora della famiglia Malatesta. La Pinacoteca è ricca di opere di illustri pittori, tra i quali Guercino, Domenichino e Guido Reni.

Nel museo è presente un’ampia sezione archeologica che raccoglie reperti archeologici e preistorici (selci, fibule, bronzi, ceramiche, lucerne, epigrafi, sculture e mosaici) provenienti in gran parte dal territorio.

One thought on “Fano

  1. Pingback: Marche che passione, un autunno in centro Italia | foodartetravel

Comments are closed.